Tag: Max Frisari

Giove in Pesci: una fuga anestetica in avanti

Giove in Pesci: una fuga anestetica in avanti

Giove si trova attualmente in Pesci a 0 gradi e vi rimarrà fino al 25 luglio. Fino al 1846 Giove governava il Segno dei Pesci, ma era un Giove estremizzato, lacerato, ultimo legame tra la Terra e il Cielo. Se il Sagittario giovenale non ha mezze misure, il Pesci giovenale non misura proprio un bel nulla. Per questo lo troviamo dipinto tra il “clochard” e il ricco borghese che si occupa di banche e di affari miliardari.  Nel settembre 1846, Nettuno si rivelò per la prima volta ai telescopi e poche settimane dopo l’umanità avviò quella che viene definita “la moderna anestesia”. Questa sincronicità permette di comprendere la natura “stordente” dei Pesci, quasi che vogliano anestetizzarsi per non vedere come è realmente il mondo. I Pesci, per loro stessa ammissione, divorano farmaci, eccitanti, alcol, droghe, “anestetici sorrisi” a causa della loro consapevolezza dell’imperfezione del mondo. Sotto il Segno della Bilancia, nel settembre 1846, Nettuno viene rivelato e immediatamente si attribuisce al pianeta il domicilio dei Pesci dove peraltro Venere è esaltata. I Pesci sono sensuali molto più della Bilancia, la cui Venere è fredda amante focosa. La Bilancia non dà l’anima al partner, mentre il Pesci si dona proprio tutto e quando si “eleva” allora troviamo i mistici, i religiosi che regalano “anima, cuore e corpo” all’umanità intera. Giove rimane un paio di mesi nei Pesci, poi tornerà in Acquario verso fine luglio. Come si traduce questo passaggio lampo di Giove nel suo antico domicilio? Secondo Max Frisari. il transito di Giove sul Sole porta “un periodo di accresciuta buona fortuna, di maggiore ottimismo personale, di auto confidenza costruttiva”. Maggio e Giugno saranno d’assaggio. Ci rivediamo a fine anno, esattamente il 29.12.2021 a 0 gradi dei Pesci!

OM

Venere in Acquario (secondo Belysario)

Venere in Acquario (secondo Belysario)

Da qualche giorno Pianeta Blu transita nel Segno di Urano, che attualmente è occupato dai due pianeti importanti, Saturno e Giove. Chi nasce in questo periodo si ritrova una discreta congiunzione di Venere con il Capro e il Centauro. Chissà se abbracceranno i dettami di Saturno o se invece preferiranno le delizie di Giove in totale apertura acquariana. Ho leggiucchiato di qua e di là, tra libri e internet, la definizione di Venere in Acquario. Son sempre le stesse cose, a volte trite, altre volte tritate più volte e cioè l’ampiezza di vedute dal punto di vista sentimentale, l’impossibilità di stringere legami duraturi, bla bla e ri-bla. Mi è piaciuta la definizione del grande divulgatore astrologico Max Frisari che riporto: “Vita sessuale molto varia e favorita dalla mancanza di inibizioni e pregiudizi. [..] Attraente magnetismo personale, sexy appeal irresistibile” e ancora “il soggetto crea amicizie amorose che possono essere solide e durevoli”. Penso che Venere in questo Segno tolga molto a se stessa da un punto di vista sensuale o di sottile seduzione, ma ne aumenti in egual misura il concetto di Amore o la disinvolta necessità di esplorarlo. Non è tanto il sesso che muove Venere in Acquario, quanto l’idea romantica dell’amore romantico e nel contempo la necessità intima di relazionarsi con le altre persone ovviamente senza distinzione di razza, genere ecc. ecc. Per questo motivo ho trovato molti riferimenti alla omosessualità che deriverebbe da questa posizione di Venere o dai rapporti stretti tra Venere e Urano. Questa lettura non mi ha mai convinto, poichè mi pare o che esuli o che sia una forzatura. Certamente Venere in Acquario è una bellissima posizione, travolgente, se si ha pure il Sole in Acquario o in Ariete, meno se il Sole si trova in Capricorno o in Pesci. Una volta vidi un Sagittario con Venere in Acquario. Non pagò mai un centesimo di alimenti perché mai si sposò.

OM

La biblioteca di Belysario (5)

La biblioteca di Belysario (5)

La “dispensa” nella foto è parte di una serie infinita di scritti che Massimo Frisari scrisse negli anni ’80 per i corsi che teneva a Bologna, Venezia e in altre sedi. I concetti, le osservazioni e le illuminazioni che si leggono nelle decine di volumetti rilegati e assemblati artigianalmente si trovano solo lì. Non sono mai state raccolte in un volume o più volumi, per cui sono preziose e tuttora ogni tanto le consulto, come consulto altri testi di astrologia. Grazie a Max Frisari per il lavoro immenso lasciatoci. Le ho tutte e non le ho mai contate. Ho trovato persino una lunga dissertazione sulle Stelle Fisse, argomento ormai in disuso tra gli Astrologi moderni.

Hai la Luna nel Segno del Toro?

Hai la Luna nel Segno del Toro?

Un grande astrologo, purtroppo scomparso, ha scritto decine e decine di trattati e trattatelli sullo scibile astrologico. anche diversi libri, ma lui preferiva il “fascicolo”, la “dispensa” di una quarantina di pagine che regolarmente dava ai suoi “cento corsi di Astrologia” che ha tenuto in giro per l’Italia. Era uno studioso e un divulgatore affabulante della materia astrologica. Possiedo tutte le sue dispense di Astrologia, compresa quella pazzesca sul significato delle stelle fisse. Chissà se un giorno qualcuno raccoglierà questo materiale in un bel volume di centinaia di pagine che raccolga il sapere astrologico di Massimo Frisari, lo Scorpione dal pungiglione gentile. Da un suo studio ho raccolto alcune frasi sul transito di Urano sulla Luna:

Questo transito si riferisce ad improvvisi cambiamenti nella vita domestica e nelle relazioni familiari. Il medesimo incoraggia l’immaginazione creativa e fa rivelare profonde conoscenze legate soprattutto all’infanzia. Durante il transito le donne avranno grande magnetismo personale e originalità e gli uomini stabiliranno eccitanti relazioni con donne strane e affascinanti….La casa può diventare la scena di un gruppo ben definito o sede di una attività organizzativa.