Tag: Fernando Pessoa

Gemelli eteronimi

Gemelli eteronimi

“Alla fine di questa giornata rimane ciò che è rimasto di ieri e ciò che rimarrà di domani; l’ansia insaziabile e molteplice dell’essere sempre la stessa persona e un’altra.”

(Il libro dell’inquietudine di Bernardo Soares)

 

 

Tabucchi o del Sognatore

Tabucchi o del Sognatore

Non ho l’ora di nascita di Tabucchi ed è un vero peccato perché se fosse nato tra mezzanotte e l’una e trenta del 24 settembre avrebbe la Luna nel Segno del Cancro, il che rafforzerebbe le sue qualità oniriche e visionarie. Se qualche guerriera toscana di Pisa (almeno una la conosco) recupera l’orario di nascita me la invii, così verifichiamo (cit. Volpi e Upupe). In realtà cambia poco dato che Tabucchi possiede quell’aspetto che solo i grandi scrittori hanno, cioè uno dei luminari congiunto a Nettuno. Nel caso questo, il Sole a 0 gradi della Bilancia è congiunto a Nettuno posizionato a 1 grado sempre della Bilancia. Più stretto di così è soffocante!! Nettuno conferisce la visione, un terzo occhio spalancato verso il mondo. Nel Segno della Bilancia mescola e amplifica l’amore sacro e l’amore profano. Tabucchi è tra i grandi scrittori del Novecento e probabilmente chi lo legge “vede”, mentre legge, quello che lo scrittore intende descrivere con le parole (Chi non ha sofferto la calura di Lisboa leggendo Requiem?). La capacità nettuniana di avvolgere la scrittura di magia direi che con Tabucchi raggiunge livelli elevati. Lisboa è la sua casa, Pessoa paradossalmente è il suo eteronimo. Non potremmo amare Pessoa se Tabucchi non lo avesse fatto suo. Nettuno è la metamorfosi, il prendere corpo e anima di altri, ma solo per un po’. Chissà se Woody Allen conosce l’opera di Tabucchi o se si sono mai incontrati. Sarebbero andati molto d’accordo. Pessoa l’avrebbe sicuramente amato, da buon “Gemelli che ama il Sagittario” o viceversa? (cit. Jacob/Valence).

WhatsApp chat