Categoria: Acquario

Il grado 13 dell’Acquario secondo l’Astrologia esoterica

Il grado 13 dell’Acquario secondo l’Astrologia esoterica

Attualmente questo grado è occupato dalla importante congiunzione Mercurio Giove nel Segno di Urano

Esiste una interpretazione molto simile (o meglio una visione) tra Il calendario Tebaico, le rivisitazioni del medesimo fatte da Pitois, l’astrologia indù e le visioni di Janduz. Tutti individuano nel 13° grado del Segno dell’Acquario un che di catastrofico, di rovina, di “crollo”. L’immagine simbolica è quella di un uomo che tiene nella mano il suo piede tagliato. Quest’uomo con il piede rotto in mano deve attraversare un ponte che è crollato e dove sotto scorre un torrente impetuoso. I consigli di Janduz sono quelli di avanzare con grande circospezione nella vita, controllando Marte e Mercurio nel Tema natale, poiché “l’avvenire è spezzato per catastrofe improvvisa”. 

Diversa interpretazione danno Dane Rudhyar e Linda Hill, entrambi elaboratori delle visioni di Elsie Wheeler dei 360 gradi dello Zodiaco. Al 13° grado dell’Acquario corrisponde un barometro. Questo strumento ha una duplice funzione: scientifica poiché misura il tempo atmosferico e i suoi cambiamenti e magica perché in un certo senso lo strumento “anticipa” e prevede i mutamenti climatici. Gli individui dunque devono ascoltare i sottili cambiamenti interiori e anche esteriori. Addirittura possono essere degli anticipatori di eventi sia personali che altrui. Rudhyar  scrive: Questo terzo simbolo della sessantatreesima sequenza ci dice che è assai importante cercare [..] una conoscenza della progressione causale. Nel senso più ampio ciò implica una consapevolezza dei processi ciclici, e ciò include l’Astrologia. La parola chiave è ANTICIPAZIONE.

Se eliminiamo il senso catastrofico delle antiche interpretazioni, il tema comune rimane sempre il movimento “circospetto”. La lettura dell’uomo con il piede tagliato in mano ha anche il significato dell’unione dei piedi (Pesci) con le mani (Mercurio) e quindi della capacità di prevedere il futuro e di capire quando e come sarà possibile attraversare “il ponte”.

OM

 

Sincronicità del numero 12 e la congiunzione Venere Giove in Acquario

Sincronicità del numero 12 e la congiunzione Venere Giove in Acquario

Il giorno 12 febbraio (solo per qualche ora) Venere e Giove sono congiunti al 12° grado nel Segno dell’Acquario. Venere e Giove sono coinvolti da questo numero, perché Venere è esaltata nel dodicesimo Segno dello Zodiaco (i Pesci) e Giove dominava il dodicesimo Segno fino a poche centinaia di anni fa. Questa congiunzione, quasi sempre favorevole, è più di quanto si possa immaginare in termini di pacifismo, di rotondità del corpo e dell’anima, di affabili relazioni sociali basate sulla cortesia e sulla diplomazia. In termini sentimentali Venere con Giove non cerca avventure, non provoca tradimenti, ma la relazione si basa innanzitutto sull’unione legale di Giove, poi su una fitta rete di rapporti familiari e per finire in una totale devozione al partner, da non confondere con la sottomissione. Con questo aspetto le persone sono molto accomodanti, com’è nell’indole sia di Giove che di Venere e amano l’arte, il bello, il comfort, la musica, le grandi dimore. Pagano ovviamente in termini di facciata, di perbenismo, di difesa ad oltranza dei valori “borghesi” (ma si dice ancora?). Importante è pure il patrimonio che è sorretto sempre da eventi fortunati che ruotano attorno alle ricchezze. Trovandosi attualmente questa congiunzione in Acquario, la visione amorosa è tendenzialmente più aperta, meno schematica, ma sembra non venire mai meno il senso etico che è racchiuso in Venere Giove. Mi raccomando se siete single e siete Acquario non puntate sul numero 12, a meno che non nasciate proprio oggi.

OM

Venere in Acquario (secondo Belysario)

Venere in Acquario (secondo Belysario)

Da qualche giorno Pianeta Blu transita nel Segno di Urano, che attualmente è occupato dai due pianeti importanti, Saturno e Giove. Chi nasce in questo periodo si ritrova una discreta congiunzione di Venere con il Capro e il Centauro. Chissà se abbracceranno i dettami di Saturno o se invece preferiranno le delizie di Giove in totale apertura acquariana. Ho leggiucchiato di qua e di là, tra libri e internet, la definizione di Venere in Acquario. Son sempre le stesse cose, a volte trite, altre volte tritate più volte e cioè l’ampiezza di vedute dal punto di vista sentimentale, l’impossibilità di stringere legami duraturi, bla bla e ri-bla. Mi è piaciuta la definizione del grande divulgatore astrologico Max Frisari che riporto: “Vita sessuale molto varia e favorita dalla mancanza di inibizioni e pregiudizi. [..] Attraente magnetismo personale, sexy appeal irresistibile” e ancora “il soggetto crea amicizie amorose che possono essere solide e durevoli”. Penso che Venere in questo Segno tolga molto a se stessa da un punto di vista sensuale o di sottile seduzione, ma ne aumenti in egual misura il concetto di Amore o la disinvolta necessità di esplorarlo. Non è tanto il sesso che muove Venere in Acquario, quanto l’idea romantica dell’amore romantico e nel contempo la necessità intima di relazionarsi con le altre persone ovviamente senza distinzione di razza, genere ecc. ecc. Per questo motivo ho trovato molti riferimenti alla omosessualità che deriverebbe da questa posizione di Venere o dai rapporti stretti tra Venere e Urano. Questa lettura non mi ha mai convinto, poichè mi pare o che esuli o che sia una forzatura. Certamente Venere in Acquario è una bellissima posizione, travolgente, se si ha pure il Sole in Acquario o in Ariete, meno se il Sole si trova in Capricorno o in Pesci. Una volta vidi un Sagittario con Venere in Acquario. Non pagò mai un centesimo di alimenti perché mai si sposò.

OM

Il quintetto d’Aria dell’Acquario

Il quintetto d’Aria dell’Acquario

Per alcuni giorni assisteremo alla congiunzione (o meglio presenza contestuale) di ben 5 pianeti nel Segno dell’Acquario: Sole, Venere, Giove, Mercurio e Saturno tentano l’impossibile combine per rovesciare il potere del Sole. Non so se riusciranno in quanto contrastati dai pianeti in Toro, ma terminato il periodo “dance” qualcosa dovrà cambiare per forza, che sia un governo o una intera nazione che proclama l’indipendenza dal tutto o una religione che nasce e un’altra che muore. Qualcosa di importante o di eclatante dovrà per forza accadere altrimenti farò la fine di Paola O’ (sic!)

OM

Il Segno Zodiacale dell’Acquario (che rima con Belysario)

Il Segno Zodiacale dell’Acquario (che rima con Belysario)

Non ho mai nascosto la passione per questo Segno così pieno d’Aria e così vibrante di energia. Se fossi Acquario mi innamorerei sempre e perdutamente, ma anche il Sagittario non scherza e quindi si accorda con tal Segno per innamorarsi a vicenda. Questa premessa è utile per comprendere il romanticismo leggiadro dell’Acquario. Il Sementovsky accomuna questo Segno al Cancro, ma non tanto per le similitudini amorose, ma per l’oscillare delle idee e per la tendenza alla solitudine. Piuttosto originale questo confronto/incontro tra l’Acquario rivoluzionario, oscillante nelle idee e il tipo Cancro, stravagante nei modi come Acquario. Ritengo che questa assonanza sia dovuta alla somiglianza dell’Acquario con il fratello Capricorno (opposto al Cancro), peraltro confermata dal Sementovsky soprattutto nell’aspetto fisico, con la differenza che il tipo Acquario ha spesso gli occhi penetranti e gelidi che ricordano il tipo Scorpione, anzichenò. A questo punto il Sementovsky mi confonde perché associa all’Acquario Segni zodiacali a prima vista molto lontani. Gli Acquari devono raccogliere la violenta eredità del loro padre Urano. Urano è brutale, casinista, ha 45 figli, un sacco di Lune in astronomia. Appare come un mostro e forse lo è, ma mentre viene evirato dal figlio Crono per le sue atrocità, i suoi genitali cadono in mare favorendo la nascita di Afrodite, la dea dell’Amore. Effettivamente sembra una simbologia molto scorpionica. Ma chi sono questi Acquari? Sono violenti? (ma quando mai!), sono passionali come un Segno di Fuoco? (ma dai!). Sono geniali perché hanno le sinapsi che si accendono a caso, sono leggeri perché il mondo è fatto per loro. Come direbbe Dolores: Molti scelgono di vedere la bruttezza in questo mondo, io ho scelto di vederne la bellezza. Potrebbero apparire ingenui (e qui ritornano le somiglianze con il Cancro), fanciulleschi (ancora!), però io ho notato che la loro spontaneità verso i fratelli e le sorelle del pianeta è genuina, non è artificiosa, costruita per timidezza o calcolo, è proprio “una grande comunità hippie nello stato dell’Oregon”. Per non parlare poi del loro amore per Gaia, per la terra che calpestano. Li troviamo infatti isolati nei boschi a installare antenne riceventi, oppure a dirigere B&B immersi nel verde o a sostenere i “Fridays for Future”. O a professarsi paladini del LGBT poiché per loro la razza o il genere non esiste. Questo è la magnificenza del Segno che sta proprio radicata nei tipi Acquario: la mancanza assoluta di diversità che si esprime in tutti uguali, ma tutti unici e speciali. Un credo del genere si traduce poi in quella che viene chiamata “libertà”. Allora si scatena il pettegolezzo sull’Acquario infedele, sulla libertà come rifiuto dei legami a priori e via dicendo. Chi sospetta dell’Acquario deve comprenderne bene la natura intima che non ha nulla a che fare con il tradimento o l’infedeltà, così come non ha nulla a che fare con il matrimonio, le convenzioni sociali ecc. ecc. Per loro la libertà è quella cosa indefinita, a volte oscurata, impalpabile, ma gustosa al palato dell’anima, una espressione dell’essere umano pura e non contaminata dalle sovrastrutture del Tonal.

Benvenuti Acquari guerrieri nel mondo di Carlitos!

OM

Il grande “boom” del Sole in Acquario

Il grande “boom” del Sole in Acquario

Il 19 gennaio 2021 alle ore 22 il Sole entra in Acquario abbracciando via via, Saturno, Giove, Mercurio e poi Venere in febbraio. Sarà una grande congiunzione, per questo avrà successo. È però indubbiamente macchiata dalle quadrature taurine e sarà possibile che in determinati giorni, quando gli aspetti saranno precisi, si assisterà al grande “boom” che potrà riguardare sia molte auto che rimangono in panne, sia colpi di stato o rivoluzioni spettacolari. Acquario, Bilancia e Gemelli sono ben graditi dal Cielo Astrale in questo avvio di globale trasformazione, ennesima ed ulteriore, tra Saturno e Urano. Sagittario e Ariete seguono baciati dai sestili e incuranti delle quadrature degli altri. Il Leone farà attenzione ai rapporti sociali e amichevoli che presentano insidie, per non parlare del lavoro. Il Toro se la gioca con la forza che lo contraddistingue, spinto dalle scosse di Urano. Capricorno e Vergine, un po’ stanno alla finestra e un po’ si divertono ad agire. Il Cancro beneficia dei pianeti in Toro, mentre il Pesci, pur nella stessa situazione di armonico sestile, si ritrova in un oceano oscuro. Scorpione silenzioso, pronto a ritirarsi se la lotta è impari.

OM

Saturno a 0 gradi in Acquario

Saturno a 0 gradi in Acquario

Finalmente la pesante congiunzione Saturno, Plutone e Giove in Capricorno si scioglie. Saturno se ne va, fra una settimana tocca a Giove e Plutone lasciamolo ancora lì per un po’ a stanare le corruzioni dei Capi. Semplificando, Saturno per tre anni nel Segno di Urano è favorevole al Sagittario e all’Ariete, meno al Leone e ai tre Segni d’Aria, meno per l’Acquario. Vergine e Capricorno saltano direttamente al Via ritirando 20.000 Euro, mentre il Toro inizia un combattimento improduttivo con la propria natura. I Segni d’Acqua rifletteranno sul Tempo che fu quando Giove era in Capricorno.

OM

Acquari rivoluzionari (Waiting for the barbarians)

Acquari rivoluzionari (Waiting for the barbarians)

Waiting for the barbarians è un film intenso diretto da un Acquario colombiano e scritto tanti anni fa da uno scrittore sudafricano sempre dell’Acquario. Entrambi hanno in comune il Segno Zodiacale della diversità e della tolleranza. Di Coetzee conosciamo le sue posizioni (Michael K.) e di Ciro Guerra va ricordato Oro verde, viaggio magico dentro le culture tribali colombiane. La sincronicità astrologica indica la somiglianza tra i due oroscopi, entrambi dominati dal Segno Acquario e da Urano (soprattutto quello di C. Guerra) e, sempre per entrambi, la Luna in Pesci. Film da vedere, libro da leggere, aspettando Giove in Acquario fra un attimo.

OM

Gretel e Hansel (senza marzapane)

Gretel e Hansel (senza marzapane)

Una eccellente rivisitazione della favola dei Grimm, diretta dal figlio di Anthony Perkins, Oz Perkins, Acquario stranamente dedito al dark movie. Qui non troviamo casette di marzapane, gioielli o bastoncini di zucchero. In una cupa atmosfera, quasi gotica, fratello e sorella compiono un percorso crudo e iniziatico verso una imprescindibile “adultità”. Da vedere per l’interpretazione di Gretel di Sophia Lillis, sempre Acquario, già vista nella serie teen di Netflix, I’m not ok with this. Nel link si può leggere qualcosa sul suo Tema Natale. Grande Sophia!

OM

WhatsApp chat