Verso la fine a metà del Segno della Vergine

Verso la fine a metà del Segno della Vergine

La Vergine sta nel mezzo, sia astrologicamente, sia socialmente. In Astrologia è il sesto Segno e in società è il sesto incomodo. Incomodo perché la smania per il dettaglio e per la routine riporta gli esseri umani a quello che sono inesorabilmente: dei Tonal che si muovono in mezzo ad altri Tonal con regole, leggi, gesti uniformi ecc. ecc. La Vergine non sogna come i Pesci, ma è costretta a sognare come i Pesci. Non è un artista come i Pesci, ma è costretta a mettere l’Arte nel proprio lavoro. Artigiani creatori di “opere per il quotidiano”, medici di base che “ascoltano” i primi problemi dei propri pazienti, proprio come farebbe un “monaco dei Pesci”. È difficile parlare della Vergine senza parlare dei Pesci. Una coppia che trova eguali soltanto sull’Asse Sagittario Gemelli o Toro Scorpione. Qual è il difetto della Vergine o il proprio limite? La Vergine “difetta” nella visione d’insieme, ma così come i Pesci o il Sagittario difettano nella visone del dettaglio. Quindi è assurdo parlare di limiti o di difetti. La Vergine ha il ritmo nel sangue, ma non è musicale questo ritmo. È basato sui secondi che compongono le 24 ore della giornata. Quindi è piuttosto preciso come un metronomo. Gassman o Stephen King? Se leggete le pagine che dedica Sementovsky al Segno e siete del medesimo, ma non avete ancora preso un Nobel, allora vi deprimerete. Sementovsky dà grande spazio ai personaggi artisti famosi appartenenti al Segno definendolo un Segno di grande Spiritualità. E noi poveri mortali? Saremo dei mortali Spirituali e se apparteniamo al Segno, possiamo dedicarci all’arte orafa, (benedette le mani) o alla scienza matematica o ad esercitare un muscolo importante che è il cervello attraverso lo studio e la lettura. Attività estremamente solitarie, come lo sono i Vergine. Studi poco recenti, ma comunque validi, danno la percentuale più alta tra le coppie separate o divorziate, ai nativi del Segno. Spesso sono “single” che non amano dividere il giorno e relativi compiti, con altri. Ancora uno specchio: se i Pesci sono spudorati, i Vergine sono “pudorati”. Non si esibiscono e non esibiscono sensi e sesso. Sono sempre nella trappola corpo/psiche o Ragione e Sentimento. Ne usciranno? È una trappola o è una delle tante forme umane che ci contraddistinguono? Il tipo Vergine è parco persino nell’alimentarsi. Usa la bilancia (non il Segno) per i cibi. Controlla pesi e misure, calorie e contro calorie. Usa i cereali come Cerere, mangia poco e beve molto quando si specchia nei Pesci. A volte li troviamo con l’intestino sottosopra a causa della delicatezza del medesimo. Per questa ragione diventano erboristi e usano la natura per la cura. Amano il mare? Dipende da cosa c’è oltre l’orizzonte o sotto l’acqua, poiché i Vergine hanno varie fobie, mare o non mare. Concluderei con due Vergini Star piuttosto diverse. Asia Argento e Sofia Loren appartengono allo stesso Segno, ma la prima è caduta nella vasca dei Pesci e l’altra è sempre rimasta fedele allo “straordinario ordinario” del Segno.

fb-share-icon0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WhatsApp chat