Venere in Acquario o dell’Amore sinaptico

Venere in Acquario o dell’Amore sinaptico

Il 20 dicembre Venere passa dal Capricorno all’Acquario trasformando l’energia amorosa in piccole scosse elettriche al “cervello del cuore”. Se il Leone (opposto all’Acquario) è corpo puro, istinto animale, Venere nel Segno di Urano indirizza la propria vitalità nelle parti alte del fisico, anzi molto alte e nascoste. Venere in Acquario non può amare senza l’intelletto. Cerca partner intellettuali e li sfida sul piano del cervello, quindi è meno cuore e più visione, meno passione e più tolleranza. Chi riesce ad accordarsi alla Venere in Acquario? Prima di tutto metterei i Gemelli, liberi e disincantati poi a seguire il Sagittario che vede nell’amore acquariano le sue utopie realizzate. Il soffocante Scorpione non tollera amori disinibiti per cui i plutoniani staranno lontani da chi ha una Venere uraniana. Forse il Cancro e il Leone potrebbero apprezzare la libertà di una tale Venere, visto che loro stessi sono “uninominali” e amano il cerchio chiuso. No Toro, no Ariete, no Vergine e nemmeno Segni parenti. La Bilancia può amare Venere in Acquario, ma solo su un piano squisitamente digitale. Ma se sono un Acquario e ho Venere in Acquario cosa succede? Scrivimi, è ovvio!

fb-share-icon0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

WhatsApp chat